Belgirate Cenni storici Arrivare Hotel - B&B Ristoranti - Bar Manifestazioni Attività sportive Corsi - Attività Sentieri Mete turistiche Chiese - Oratori Matrimoni & Eventi Ville Storiche Personaggi Trasporti Immagini Guide - Video Solidarietà Sitemap

Belgirate - San Paolo

E’ una passeggiata molto piacevole con facili senteri e belle vedute panoramiche.

Raggiunta la via Panorama la si segue, in salita, fino all’inizio della localita’ detta “localita’i Punc”. Qui si prende a destra la strada sterrata (Strada vecchia dei Punc), lasciando sulla sinistra “casa Farinelli” e la cappella di “Santa Rita”. Si supera il torrente Paronelle e si prosegue nel bosco, prendendo il sentiero a sinistra, chiaramente segnato. Dopo aver attraversato un secondo torrente (“torrente San Paolo”) al sommo di una breve salita si raggiunge un ampio prato con una grande cascina. Da qui si puo’ godere di una vasta visione del lago. L’agevole sentiero prosegue nel bosco fino al bivio che offre la possibilita’ di una rapida andata e ritorno alla localita’ Falchetti” (vedi itinerario n. 6).
Finalmente si lascia la strada per imboccare a sinistra un tratto in leggera salita che termina in una vasta radura erbosa dove si trova l’oratorio di San Paolo. L’oratorio e’ stato ricostruito nel settecento ma conserva l’abside romanica decorata con pregevoli affreschi

Per il ritorno si puo’ optare per le indicazioni descritte all’itinerario n.9.

Tempo di percorrenza: 120 minuti (andata e ritorno)
Caratteristiche: 2,5 km

Si segue il tracciato dei due percorsi n.6 e n.7 fino ai Tre Ponti. Qui, invece di svoltare a sinistra, si prosegue diritto verso la Stazione ferroviaria, passando davanti all'oratorio di Sant'Antonio da Padova, alle ex-scuole e al tennis comunale. Si sbuca sul piazzale della Stazione: sulla sinistra parte il sottopassaggio che porta alla vicina strada per i Carcioni, sulla destra c'è il retro del parco di Villa Treves subito dopo il quale si diparte la Scalinata al Porto che scende sul Sempione.
Si prosegue sulla strada asfaltata che scende dolcemente verso nord (Via delle Azalee) fino alla grande curva: qui si svolta a sinistra nella stradina sterrata (Via vecchia alle Sale) che costeggia la ferrovia e che ricalca il vecchio tracciato della Strada Regina.
Si prosegue diritto costeggiando il muro dei parchi delle grandi ville e i corpi posteriori di Villa Claudia fino ad incontrare la strada asfaltata che congiunge il Sempione con il cosiddetto Villaggio Bezzi, un insieme disordinato di case di vacanza di foggia variegata.
Verso destra si torna sul Sempione mentre di fronte si può percorrere quel che resta della Strada Regina: dopo poche decine di metri di percorso rettilineo il cammino viene bruscamente interrotto dal muro della Villa Malgirata e si deve scendere a destra verso il Sempione.
Si prende invece il sottopasso ferroviario alla strada asfaltata che porta ai Carcioni. Al termine del primo curvone (fra un passo carraio e una recinzione) parte un sentiero pedonale poco evidente che si inerpica verso nord costeggiando per i primi metri una recinzione che si trova a destra. Si attraversa il Rio dei Falchetti su di un ponte di legno e si prende un vecchio sentiero tortuoso a gradoni di pietra, indicato con segni di vernice rossa.
Il percorso costeggia nell'ultimo tratto una recinzione metallica (sulla destra) e giunge ad un pianoro che si affaccia sulla strada delle Machére (descritta nel percorso n.7) che prosegue verso destra.
La si prende invece verso sinistra (in direzione di Belgirate) per pochi metri fino ad incontrare, sulla destra, un casolare diroccato, alla destra del quale parte uno stradino gradonato delimitato da muri di pietra. Con un ripido percorso si raggiunge in breve, in località Falchetti, la strada asfaltata che si prende verso destra. Appena prima del grande curvone sopra il Rio Machére si svolta bruscamente verso sinistra nella stradina che si infila fra le case del piccolo borgo di cui si ammirano le belle architetture popolari e alcuni affreschi devozionali.
Il percorso prosegue alla fine delle case verso l'alto della collina: è ben tracciato e facilmente percorribile. Lasciato sulla destra il bivio per Magognino, si arriva sotto il pianoro di San Paolo cui si accede per una comoda salita.

Caratteristiche 3,4 km